Che cos’è e come si fa la voltura luce?

Che cos’è e come si fa la voltura luce?

La voltura luce è l’operazione di cambio intestatario di un contratto che risulta attivo e che non prevede interruzioni nella fornitura

In questa guida spiegheremo in che cosa consiste l’operazione del cambio intestatario di un contratto energetico con la fornitura elettrica attiva, meglio nota come voltura luce. Ci soffermeremo sulle differenze esistenti con altre operazioni come il subentro o la prima attivazione, oltre che su tempistiche e costi. Si tratta di un’operazione che potrebbe tornare utile specialmente in caso di traslochi, quando si deve andare a vivere in una casa già provvista di contatore e con fornitura attiva in quel momento.
1. Cos’è la voltura luce

La voltura luce è un’operazione che tutti, nel corso della propria vita, potrebbero trovarsi nella situazione di richiedere. L’esempio tipico è quello di chi si trova in condizione di cambiare casa e non sa come comportarsi con il contratto energetico. La cosa migliore da fare è accertarsi che vi siano il contatore e una fornitura già attiva.

A questo punto, si procede con il cambio intestazione di un contratto esistente, la voltura appunto. Per procedere, serviranno i dati del vecchio e del nuovo intestatario e bisognerà contattare il fornitore. In sostanza, con la voltura si parla di cambiare il nominativo della persona che si intesta la fornitura, il tutto senza che vi sia un’interruzione del servizio.

Hai bisogno di aiuto?

Non ti lasciamo solo

Scegli il servizio che ti interessa

Acconsento al trattamento dei miei dati personali per l’invio, da parte di Italiaonline, di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Italiaonline stessa e/o di suoi partner mediante mail, sms e altri strumenti (art. 3 b dell’ Informativa )

Cliccando su “Richiedi Consulenza” dichiaro di aver preso visione dell’ Informativa sulla privacy

2. Cosa serve per fare la voltura della luce

Per procedere con la richiesta di voltura luce servirà presentare, innanzitutto, la copia del documento di riconoscimento del nuovo e vecchio intestatario e, in caso di azienda, anche la copia del documento di riconoscimento del referente contrattuale (o rappresentante legale). Il richiedente della voltura luce deve fornire anche altre informazioni come codice fiscale del precedente intestatario, codice POD (quello che identifica in modo univoco la fornitura), e potenza impegnata in kW.

Nessuna paura però: sarà possibile trovare facilmente tutte queste informazioni direttamente su una vecchia bolletta. Infine, per la voltura energia elettrica occorre anche presentare un documento che attesti il legittimo possesso dell’immobile. Stiamo parlando del contratto di locazione o usufrutto, con tanto di decorrenza dello stesso. Capire come si fa la voltura della luce non è difficile, ma è importante accertarsi di essere in possesso di tutto ciò che serve per procedere.

3. Differenze con il subentro e allaccio

Molti fanno confusione tra voltura luce, subentro e attivazione, operazioni ben distinte che rispondono ad esigenze differenti. Prima di spiegare, in dettaglio, come si fa la voltura della luce, conviene capire, esattamente, di che cosa si sta parlando. Si tratta di un’operazione molto diversa da quella del subentro, che va richiesta unicamente nel caso in cui il contatore risulti già precedentemente disattivato. L’allaccio, invece, serve quando si ha necessità di collegare l’abitazione alla rete di distribuzione luce, e consiste nell’installazione di contatore, identificato da un codice POD. Per finire, con un contatore già installato, ma mai entrato prima in funzione, si dovrà richiedere la prima attivazione. 

Quando si entra in una nuova casa, e si hanno dubbi su quale operazione richiedere, la cosa più facile è guardare la situazione del contatore: 

  • Con contatore presente attivo: voltura 

  • Con contatore presente ma disattivato: subentro 

  • Con contatore mai stato attivato prima: prima attivazione

4. Costi della voltura luce

Il costo voltura luce cambia da fornitore a fornitore ed è quindi un fattore da considerare al momento della stipula di un contratto. Per avere un quadro preciso riguardo il costo voltura luce, bisogna considerare quanto stabilito dalle Autorità, secondo cui è previsto un contributo fisso di 25,88 euro per oneri di amministrazione e di 23 euro una tantum. Al contributo fisso per oneri di amministrazione, bisogna anche aggiungere i costi previsti dal proprio fornitore luce. A questi, si deve sommare l’Iva, pari al 22% del costo di voltura. Infine, bisogna considerare che alcune aziende possono richiedere un deposito in forma di cauzione.

5. Tempistiche della voltura luce

Il cambio di intestazione del contratto avviene entro un paio di settimane dall’invio della richiesta. La voltura può richiedere tempi più lunghi solamente a fronte di eventuali irregolarità nei pagamenti precedenti, o se dovessero mancare alcuni documenti necessari per la richiesta. Nel caso in cui, dopo cinque giorni dal ricevimento della richiesta, il gestore non avesse ancora realizzato l’operazione di voltura luce, l’utente riceverà un indennizzo automatico di 30 euro alla prima bolletta utile.

6. A chi spetta la voltura luce?

Sulla base della legge vigente, la voltura luce è un’operazione che compete al nuovo intestatario, ovvero colui che vuole intestarsi un’utenza già attiva. In caso di trasloco, quindi, dovrà essere il nuovo inquilino a occuparsene e a sincerarsi che la pratica vada a buon fine. Inoltre, fin quando non avviene la voltura delle utenze, dovrà essere l’intestatario dell’immobile a farsene carico.

In caso di decesso dell’intestatario delle forniture luce e gas, si può trasferire il contratto a un altro soggetto con la procedura di voltura mortis causa. Questa procedura si può effettuare in caso vi sia un rapporto di parentela di primo grado tra vecchio e nuovo intestatario. Il familiare interessato deve inviare una comunicazione direttamente al fornitore luce e gas per ereditare la fornitura, evitando così la sottoscrizione di un nuovo contratto. La voltura luce e gas mortis causa non prevede costi, anche se il distributore può applicare gli oneri amministrativi.

7. FAQ
  • Posso richiedere la voltura luce se non è presente il contatore? La risposta è no. In assenza di contatore bisognerà per prima cosa chiedere l’allaccio di fornitura elettrica. 

  • E se il contatore è già presente ma risulta disattivato? In questo caso dovrai semplicemente scegliere un fornitore con cui procedere con un subentro. 

  • La voltura luce compete al vecchio o al nuovo intestatario? L’operazione dovrà essere gestita interamente dal nuovo intestatario. 

  • Con la voltura luce si eredita anche il debito del vecchio intestatario? Assolutamente no, tranne che nel caso in cui chi esegue la voltura non sia estraneo al debito. Potrebbe essere il caso di colui che vuole fare la voltura dell’utenza essendo convivente con il precedente intestatario. 

  • Si ha diritto a un rimborso in caso di ritardo del gestore? Se, dopo cinque giorni dal ricevimento della richiesta, il gestore non dovesse, ancora, aver eseguito la voltura luce, l’utente avrà diritto a un indennizzo automatico di 30 euro già nella prima bolletta utile.

Tutte le guide
Come leggere la bolletta della luce: guida alle voci Come leggere la bolletta del gas: guida dettagliata alle voci Bonus e incentivi alle famiglie per il gas: come ottenerli Consigli e trucchi per risparmiare sulla bolletta del gas Offerte gas per la tua abitazione: le tipologie Rimodulazioni tariffe gas: difendersi dalle modifiche contrattuali Come risparmiare energia elettrica e ridurre la bolletta Confronto prezzi luce per famiglie e privati: guida completa Rimodulazioni tariffe luce e caro bolletta: cosa sono e come difendersi Come difendersi dalle rimodulazioni delle tariffe telefoniche Come misurare la velocità di connessione a Internet della rete fissa Offerte Internet per la casa: guida alla scelta Tariffe Internet senza limiti: confronto e vantaggi Velocità di connessione e tariffe Internet: cosa sapere Allaccio luce: come collegare la propria casa alla rete elettrica Attivazione gas: costi, tempi e documenti richiesti Come si fa l’autolettura gas? Una guida passo dopo passo Come si legge il contatore della luce: la guida Confronto tariffe luce: la guida per trovare l’offerta adatta a te Costo medio bolletta luce: quali fattori considerare A cosa serve e come si fa la lettura gas Il gestore migliore di luce e gas: quali sono i fattori da analizzare Ecco come trovare la tariffa gas migliore: tutti i consigli utili Ecco come trovare la tariffa luce migliore per le tue esigenze Trova le migliori tariffe luce e gas con le offerte dual Un’offerta Placet conviene? Ecco cosa sapere Rateizzazione delle bollette luce e gas: ecco come funziona Servizio a tutele graduali conviene? Caratteristiche e vantaggi Servizio di Maggior Tutela: cosa cambierà per gli utenti dopo la cessazione Voltura gas: come si fa il cambio intestatario della fornitura Subentro gas: come procedere in tempi brevi con la riattivazione del contatore Che cos’è e come si fa la voltura luce? Allaccio contatore del gas: costi, procedura e come richiederlo Attivazione luce: la procedura completa in pochi step Cos'è il subentro energia elettrica e come richiederlo